Scaroni Milan
Interviste

Milan, Scaroni raggiante: “Qui siamo tutti al settimo cielo”

Il presidente del Milan Scaroni ha toccato vari temi, tra cui il primato in classifica, il progetto Elliott e la questione nuovo stadio

A margine della vittoria contro il Napoli, che è valso il primato in classifica alla squadra rossonera, l’emittente televisiva Sky Sport ha mandato in onda l’intervista di Scaroni, il quale ha affrontato tanti temi, riguardanti sia il presente che il futuro del Milan, commentando con entusiasmo i risultati raggiunti fini qui.

Dal primato in classifica al lavoro di Maldini

La prima domanda dell’intervista di Paolo Scaroni è stata fatta sulla felicità dopo la vittoria in casa del Napoli e il conseguente primo posto in Serie A. Il presidente del Milan ha risposto così:

“È stata una grandissima soddisfazione, qui siamo tutti al settimo cielo. Quello che più mi fa piacere è che abbiamo la squadra più giovane d’Europa e che conseguiamo dei risultati formidabili”.

Le sue parole, hanno messo in luce la bontà del lavoro fatto dalla società rossonera, negli ultimi anni, capace di costruire una squadra giovane e vincente. Infatti, dati alla mano, la rosa rossonera presenta un’età media di 24,5 (secondo la classifica CIES) e nonostante ciò riesce a primeggiare in Serie A offrendo ottime prestazioni e facendo aumentare il valore di mercato dei giovani in rosa.

Una buona parte di merito, nella costruzione della rosa, va data a Paolo Maldini, attuale direttore tecnico del Milan, sul quale Scaroni si è espresso così:

“Anche Maldini ha dovuto imparare, perché non si nasce dirigenti sportivi. Chiaramente lui di calcio sa tutto, quindi questo processo d’apprendimento è stato più rapido. Ma ora si è trovato un equilibrio che va bene a tutti, possiamo guardare al futuro con molto ottimismo”.

Parole che testimoniano la stima della società nei confronti di Maldini e allo stesso tempo la crescita, non solo di risultati, ma anche dirigenziale che sta avvenendo in casa Milan.

L’intervista di Scaroni sul progetto Elliott

Il presidente del Milan ha toccato anche temi legati al futuro partendo dal fondo Elliott  e rispondendo così alla domanda sugli attuali proprietari del Milan:

“Elliott ci ha messo un sacco di soldi per coprire le perdite che abbiamo avuto negli ultimi due anni. Continua a sostenerci e a guardare avanti nel suo progetto di fare del Milan quella grande squadra che deve essere”. 

Sottolineando di come Elliott lavori per il bene del Milan, ma nel modo in cui gli appartiene di più, ovvero da azionista, aggiungendo che:

“Elliott non si pone limiti di tempo, poi un fondo così farà le sue scelte ma non vedo questo giorno vicino”.

Le parole di Scaroni inquadrano, una società solida con la voglia di far crescere la squadra a lungo, sia sotto il profilo economico che di risultati sportivi.

Il nuovo stadio del Milan

Ultimo tema affrontato dal presidente del Milan è stato sulla questione stadio, ritenuto un tassello fondamentale per la crescita della società da parte di Scaroni. Secondo Scaroni la costruzione di stadi moderni, non solo per il Milan ma anche per le altre società di Serie A, sta alla base per rilanciare il calcio italiano e farlo tornare ai fasti di 15 anni fa.

Per quanto riguarda le tempistiche dell’inizio dei lavori per il nuovo stadio, si deve aspettare l’approvazione del progetto da parte degli uffici preposti di Milano, ma Elliott in questo caso si dice positivo e dichiara:

“Ho ottimismo, parlo con il Sindaco e gli assessori e tutti si sono resi conto che un progetto che farà dello stadio di Milano il più bello del mondo sia una cosa irrinunciabile”.

Aggiungendo anche una previsione sull’inizio dei lavori:

“Credo che il primo mattone lo metteremo l’anno prossimo. Quando la Giunta approverà il progetto, passeremo da un progetto di massima a una progettazione di dettaglio”.

Le parole del presidente rossonero lasciano ben sperare i tifosi milanisti, che oltre a gioire per i risultati sportivi di questo inizio di campionato, possono sognare un futuro solido e ben programmato, anche grazie agli investimenti che il fondo Elliott ha intenzione di promuovere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *