Conferenze

Lecce-Milan, Pioli: “Ci giochiamo tutto. Ibrahimovic sta meglio”

Il tecnico rossonero Stefano Pioli parla in conferenza stampa alla vigilia della gara della 27^ giornata di Serie A tra Milan e Lecce

Torna finalmente il campionato. Dopo più di tre mesi di stop forzato i rossoneri sono pronti per scendere in campo per la 27^ giornata di Serie A. Il match, a porte chiuse, è in programma lunedì pomeriggio alle 19:30. Alla vigilia di Lecce-Milan Stefano Pioli è intervenuto in conferenza stampa. Una trasferta importante e delicata, una gara da non sbagliare: “Dobbiamo puntare in alto per non avere rimpianti”.

Senza la ripresa la nostra sarebbe stata una Serie A di rimpianti, invece adesso abbiamo dodici gare per cercare di raggiungere l’obiettivo. Ci giochiamo tutto, dobbiamo puntare all’Europa. Mancano 36 punti, è ancora tutto aperto, anche se il calendario non sarà facile. Dobbiamo partire subito bene subito, serve puntare in alto. La Roma è quinta, ma dobbiamo provare a prenderla. Le porte chiuse influiscono in maniera negativa su tutti. I tifosi sono passione, trasmettono adrenalina: dovremo cercare gli stimoli giusti, con impegno ed entusiasmo. Comunque faccio i complimenti al presidente Gravina per come ha gestito la situazione e per averci permesso di tornare a giocare“.

Sulla squadra: “La classifica dice sempre la verità, ognuno ha i punti che si merita. Se in passato non siamo riusciti a portare a casa certe vittorie, nonostante delle buone prestazioni, vuol dire che è mancato qualcosa. Dobbiamo migliorare nella fase di finalizzazione, cercando di fare più gol perché alla fine sono gli episodi a fare la differenza. Sarà un altro campionato. La squadra sta lavorando bene, è concentrata, ci teneva anche alla Coppa Italia ed è rimasta molto rammaricata per l’eliminazione: meritavamo di più, soprattutto all’andata. Peccato, ma il gruppo ha reagito subito“.

Sull’ambiente: “Siamo dei professionisti, siamo abituati a lavorare sempre in mezzo a tante voci. Non possiamo farci distrarre, pensiamo solo al campo. Dobbiamo rincorrere, abbiamo le qualità per risalire. Per noi è troppo importante pensare solo a giocare. Poi vedremo cosa succederà, ognuno prenderà le proprie decisioni. Dipendiamo dai risultati, in un mese può cambiare tutto: da qui in avanti ci giocheremo il nostro destino. La presenza della società c’è sempre stata e fa sempre piacere“.

Sui singoli giocatori: “Ibrahimović sta meglio, avrà un altro controllo la prossima settimana: sta lavorando con grande dedizione, ma non so ancora quando potrà rientrare. Musacchio temo abbia terminato in anticipo la stagione. Duarte sta recuperando e potrebbe essere disponibile dalla prossima partita. Voglio di più da Leão, deve essere più consapevole delle sue potenzialità. Colombo è un ragazzo giovane ma ha qualità e prospettiva, come Daniel Maldini. Loro hanno caratteristiche da Milan, ma ovviamente deve crescere“.

Non è mancato un pensiero ad Alex Zanardi: “Vorrei fare un grosso in bocca al lupo ad Alex Zanardi, ha dimostrato di essere un uomo vero e un grande sportivo e mi auguro che riesca a vincere anche questa battaglia“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *