gotze borussia dortmund
Calciomercato Milan

Calciomercato Milan, è caccia a Mario Gotze del Borussia Dortmund

Il talento tedesco ha il contratto in scadenza a giugno e, superati i problemi fisici, potrebbe rilanciarsi con un’esperienza all’estero con la maglia del Milan

La notte del 13 luglio del 2014, in cui segnò ai supplementari la rete decisiva per il quarto titolo mondiale della nazionale tedesca, resta il punto più alto della sua carriera. Da quel momento in poi, Mario Gotze ha vissuto diverse stagioni tra problemi fisici e prestazioni non all’altezza. Questo binomio – che ha caratterizzato la carriera del giocatore tedesco ormai quasi ventottenne – nel 2017 ha infine trovato la sua causa in una miopatia metabolica, un disturbo del metabolismo energetico che rischiava di pregiudicarne per sempre la carriera.

Fortunatamente, però, il giocatore ne è venuto fuori e nella scorsa stagione, complice un fisico più solido, è tornato ai suoi livelli, con sette reti realizzate in 26 presenze. Ciononostante, il Borussia Dortmund – la squadra che l’ha lanciato nel grande calcio – sembra ormai aver scaricato il giocatore, non rinnovando il contratto in scadenza a giugno prossimo. Il Milan osserva interessato.

Parametro zero di lusso, il Milan ci prova

Tornato ai gialloneri nell’estate 2016 dopo le tre stagioni al Bayern Monaco, nella Bundesliga 2019/20 Gotze è sceso in campo in 14 occasioni, mettendo insieme un bottino di tre gol in 504 minuti. Lo stipendio impegnativo da 7,5 milioni di euro e il poco spazio avuto fin qui, però, hanno spinto le due parti a dividersi, con la decisione di non rinnovare il lussuoso contratto del tedesco.

In questo scenario, sono in molti ad aver messo gli occhi su Gotze. Soltanto in Italia, sembra che sulle sue tracce ci siano Roma, Lazio, Juventus e le due milanesi, ma il quotidiano spagnolo Marca rivela che proprio il Milan sarebbe vicinissimo a mettere sotto contratto il giocatore di Memmingen. Negli ultimi anni, l’ex Bayern ha cambiato modo di giocare, mettendo un po’ da parte i dribbling e le giocate personali in favore di una maggiore concretezza. Si disimpegna egregiamente sia nel ruolo di punta centrale sia in quello – originario – di trequartista, grazie ad un’ottima qualità dei passaggi assistita da un’eccellente visione di gioco. Nell’attuale stagione, anche a causa dello scarso minutaggio, ha messo a segno un gol ogni 168 minuti, la sua migliore media realizzativa di sempre.

Come giocherebbe il Milan con Gotze

Con l’avanzare dell’età, però, Gotze potrebbe arretrare la sua zona di competenza. Non è abbastanza forte fisicamente per giocare da unica punta e non è più sufficientemente veloce per agire da ala” – secondo il giornalista tedesco Daniel Buse – “La posizione più adatta per lui potrebbe essere quella di playmaker a centrocampo, servendo assist grazie alla sua innata visione di gioco e alla precisione dei suoi passaggi. Ha ancora lampi di classe ma non è più il giovane Mario che portava a spasso le difese avversarie”. Lo stesso giocatore, nel documentario dal titolo “Being Gotze” che racconta la sua tribolata carriera, ha confermato quest’impressione, in un passaggio in cui dichiara di vedersi chiaramente nel ruolo di regista e playmaker.

In ottica Milan, è probabile un suo impiego nel 4-2-3-1 in uno dei tre ruoli a sostegno dell’unica punta, con Castillejo che sarebbe il maggiore indiziato a lasciargli il posto. Se così fosse, non è da escludere un dirottamento di Rebic sulla destra e di Calhanoglu come ala sinistra, con Gotze ad agire nel suo classico ruolo di numero 10: un tris di talenti dai forti legami con il campionato tedesco, dove hanno fatto vedere le cose migliori finora. I tifosi quindi si augurano che un Milan in versione Bundesliga possa dare il via ad una nuova stagione di successi.

4-2-3-1: G. Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Hernandez; Kessié, Bennacer; Rebic, GOTZE, Calhanoglu; Ibrahimovic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *